Facebook apre le applicazioni a siti Web esterni

Mossa non da poco quella di Zuckerberg, che ha deciso di aprire (e semplificare) l’utilizzo delle App di Facebook e l’accesso al database utenti a siti Web esterni, sulla scia di quanto visto con Google ed OpenSocial. La strategia, che mira a trasformare Facebook in un social hub a tutti gli effetti, si arricchisce quindi di un ulteriore tassello, l’ultimo di una serie di grandi intuizioni: Social Graph, News Feed, API per i programmatori, libero accesso al servizio e Beacon. A questo punto è ormai chiaro che Facebook non è più un semplice social network, ma una piattaforma completa ed espandibile, un sistema operativo online, diffuso e condiviso. Nick O’Neill scrive:

Rather than building your applications strictly within Facebook you can now extend the full functionality of the platform to your own website and leverage Facebook as the tool for managing members and their relationships.

Nell’articolo c’è anche un accenno alla creazione di una social gaming platform, il che mi riporta a quanto scrivevo ieri.

Questa strategia ibrida estende il concetto di Social Graph, fine ultimo delle scelte di Zuckerberg, al di fuori dei confini di Facebook, con la gestione dello stesso che resta accentrata e saldamente sotto il controllo della società.

Altre risorse: Facebook unleashes wave of new development with JavaScript client library

1 Risposta a “Facebook apre le applicazioni a siti Web esterni”


  1. 1 Blade Inside » Facebook apre le sue applicazioni ai siti web Trackback su 30/1/2008 alle 10:32

Lascia una Risposta




About

Diario di Lorenzo "Artifex" Cx,
tech geek blogger disperso nel Maranhão.

Questo weblog utilizza la Creative Commons License. Per maggiori info consulta la pagina "Legalese".

Social Badges

Feed RSS GeekMarketing  

Aggiorna il feed alla nuova versione (cos'è un feed rss?)

Skype Me™!
  Technorati