Archivia per Aprile 2007

Quanto è bella da 0 a 315?

Secondo Wikipedia ce ne sono due in tutta Italia. Una viene impiegata sull’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria e l’altra sulla A14 Bologna-Taranto. Ieri devo aver beccato proprio questa seconda!

Me ne stavo bello bello sulla scalinata della Sala Borsa, a ridosso di Piazza Maggiore (Bologna), a parlare di startup con Luca e Fra, quando appare questo capolavoro su quattro ruote. Una Lamborghini Gallardo della Polizia di Stato! E parcheggia proprio sotto il nostro naso. Dall’auto scendono due poliziotti che se la tirano come una mazzafionda. Manco Monica Bellucci, ultima donna rimasta sulla terra, se la tirerebbe così tanto! :D

Neanche il tempo di dire “konnichiwa” che due turisti giapponesi già si sono avvicinati e stanno facendo le foto! Pochi secondi dopo, la macchina è circondata da un anello di turisti e curiosi che fanno foto e sbirciano nell’abitacolo. Inutile dire che tra i curiosi c’eravamo pure noi!

Fra mi fa notare che proprio in quel momento stanno passando due Carabinieri su una Alfa 159 nuova di zecca, che evidentemente non basta perché lanciano uno sguardo incazzosissimo ai colleghi della Polizia.

Le due Lambo sono state donate alla Polizia di Stato nel 2004. La spesa quindi si dovrebbe “limitare” alla manutenzione e al rifornimento (cosa non da poco visto che consumerà come due Alfa 159). L’utilità effettiva probabilmente non si discosta molto da quella di una qualunque auto della Polizia. Il ritorno di immagine però è ottimo, sia per la Lamborghini che per l’Italia in generale. Su Digg la notizia è stata diggata la bellezza di 2252 volte, termometro del forte interesse suscitato. E le foto sono rimbalzate in lungo e in largo sul web per giorni.

Niente a che vedere insomma con il BMW-520-iniezione-interni-in-pelle-aria-climatizzata dell’ispettore Derrick… :D

Cosa direbbe Jeremy Clarkson di Top Gear (mitica trasmissione della BBC)? Facile, basta chiederlo ancora una volta a YouTube! (ok per oggi basta con i video :P )

I Simpson su Google Maps!

Ricollegandomi al post precedente

C’è bisogno di aggiungere altro? :D

(via Google Blogoscoped)

La sfida difficile di Eni vista dal satellite

A volte fare un giro su Google Earth può essere molto interessante, oltre che istruttivo. La risoluzione delle foto in alcune zone è talmente buona da poter notare perfettamente l’abbigliamento delle persone inquadrate. Ed il piccolo trucco per zoomare oltre i limiti stabiliti in Google Maps ne è la prova più lampante!

In Kazakistan nel 2000 è stata scoperto il più grande giacimento di petrolio degli ultimi 30 anni. Il giacimento di Kashagan, che si stima attorno ai 15 miliardi di barili, si trova a nord del Mar Caspio, in una zona con un clima difficilissimo e temperature che variano dai -40°C d’inverno ai +40°C d’estate. La sfida tecnologica ed economica (si parla di un investimento da 20 miliardi di Euro) è davvero enorme ed è stata colta dall’Italia. Eni infatti è l’operatore di questo giacimento, sotto il cappello del North Caspian Sea Production Sharing Agreement, accordo stretto tra sette delle più grandi imprese del settore.

Ho provato a cercare le piattaforme offshore dell’Eni attraverso Google Earth, ma purtroppo non sono disponibili immagini a risoluzioni decenti per le zone lontane dalle coste. In effetti, non avevo pensato a questo “limite” del programma. Queste comunque sono le coordinate per individuare la zona di cui parlo attraverso Google Earth. Sulla terra ferma, a Nord-Est, è possibile vedere oleodotti e industrie per il trattamento della materia estratta.

Rilasciato Ubuntu 7.04!!!

Ore 8:00: primo controllo, ancora nulla. 

Ore 11:00: la febbre sale! Ubuntu.com è praticamente down per un eccesso di visite. Questo post di attesa nel forum ufficiale in 11 ore circa ha raggiunto le 1100 risposte!!! :shock: (per dire cosa poi?!) Credo sia un record!! C’è gente che sta facendo la nottata pur di lanciare il download al primo segnale! Su Launchpad viene segnalato un nuovo bug: “The Ubuntu community is insane“. :D

Ore 11:20: una voce si solleva dal forum “Keep hitting those F5 keys!”.

Ore 11:28: Feisty is here! Rilasciato ufficialmente Feisty Fawn! Via al download!

Ore 12:00: download completato. Comincia l’upload su bittorrent (che ne ha bisogno).

Il McWi-Fi e i servizi complementari

Da una ricerca svolta sulle modalità di utilizzo delle connessioni Wi-Fi gratuite “generosamente” concesse in circa 8000 punti della catena McDonald’s è emerso che una bella fetta del traffico generato non proviene dagli uomini d’affari o dai classici navigatori. Viene dai videogiocatori! In particolare, i possessori di Nintendo DS producono circa il 25% del traffico totale. La società dal canto suo afferma che la scelta di dotare ciascun fast food restaurant di una connessione Wi-Fi è stata fatta principalmente per migliorare le operazioni interne svolte dagli stessi dipendenti (ordinazioni, gestione inventario, ecc.). Ma è fuori discussione il fatto che questa connessione, libera e a disposizione di tutti, possa avere un forte richiamo sui potenziali clienti. Che l’Happy Meal non sia più il principale motivo per il quale i figli chiedono ai genitori di andare a pranzare al Mc?

Sicuramente il modo di fare business di bar e ristoranti sta cambiando. Quanto tempo ci vorrà in Italia prima che qualcuno lo capisca?

Assemblea Telecom in diretta!

Come speravo un modo per seguire “in diretta” l’Assemblea Telecom c’è!!! Grazie al blog di Stefano Quintarelli! Adoro Internet! Peccato solo per il divieto sulle registrazioni…

-

Update: tutti i maggiori quotidiani italiani stanno riportando in prima pagina (web) la notizia del giorno: l’Assemblea Telecom e l’intervento di Beppe Grillo.

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Economia/2007/04_Aprile/16/Beppe_grillo_telecom_dimettetevi.shtml

http://www.repubblica.it/2007/04/sezioni/economia/telecom3/assemblea-lune/assemblea-lune.html

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/economia/200704articoli/20537girata.asp

Gmail, feedback su pubblicità

Uno screenshot fresco fresco

Da quando Gmail permette di inviare un feedback sui link pubblicitari??

Eh, sono sempre un passo avanti… :D

Update: nel frattempo fanno shopping

Linux, come ti sponsorizzo una monoposto Indy

Ladies and gentlemen start your linux box! Eh sì perché a quanto pare lo scopo di questo progetto è proprio quello di sponsorizzare una monoposto della Indy Racing League per la 500 Miglia di Indianapolis, la gara automobilistica più importante d’America! L’idea è ambiziosa, specialmente dal punto di vista economico. Ma se non lo fosse, che gusto ci sarebbe?? :D

L’obiettivo del progetto Tux 500 è trovare $350,000 per essere lo sponsor principale di un team Indy. Al momento la raccolta delle donazioni non sta andando benissimo, ma è partita da pochi giorni e ce ne sono ancora 38 per raggiungere la somma stabilita. L’idea è singolare e non so se andrà giù ai puristi dell’open source. Ma è comunque interessante. Interessante perché è un (primo?) tentativo di marketing autogestito dalla comunità su larga scala per promuovere e richiamare ancor più l’attenzione sul sistema operativo GNU/Linux e sul suo “indotto”. Marketing Collaborativo? Open Source Marketing? :roll:

Magari a noi non fa ne caldo ne freddo, ma per un ragazzo americano appassionato di Linux e Indy la cosa deve essere piuttosto stimolante! Non so, immaginate Valentino Rossi in sella ad una M1 col drago di KDE sulla fiancata… 8-O Il massimo sarebbe riuscire a sponsorizzare Danica Patrick, ma immagino che la sua lista degli sponsor sia stata prenotata per i prossimi 40 anni.

Update: sembra che abbiano trovato anche il team, il Chastain Motorsports.

I have a dream… l’Assemblea Telecom del 16

Rientro dalle vacanze pasquali con un’idea, un pallino che mi assilla da giorni… partecipare all’Assemblea Telecom del 16 aprile a Rozzano! Come fare? Non ho azioni Telecom. Non conosco gente con azioni Telecom (per loro fortuna). Però vorrei partecipare! Partecipare per vedere con i miei occhi quel ridicolo teatrino orchestrato da registi e grandi attori che non sanno gestire un quasi-monopolio. Commedianti che diffondono il loro verbo tramite i loro giornali, le loro televisioni e la loro fitta rete di amicizie, che si auto-complimentano, che comprano panfili, vendono stock option e distribuiscono dividendi mentre una delle più importanti società italiane marcisce sotto una montagna di debiti da loro stessi creata. E poi vorrei vedere Lui, quello che una volta un giornale inglese ha definito l’ultimo dei veri imprenditori italiani, commettendo però un piccolo errore di valutazione. Non è uno degli ultimi imprenditori rimasti, è il primo dei non-imprenditori!

Ora, questo è il punto. Vorrei partecipare all’assemblea, ma non ho azioni Telecom. Eppure sento parlare di Rete, di scorporo… Quella rete è mia, è nostra, l’abbiamo pagata noi con anni e anni di bollette, canone e tasse, e continuiamo a pagarla ancora oggi! E vorrei che qualcuno ci interpellasse prima di prendere una decisione in merito! Ovviamente questa è pura utopia. Mi accontenterei anche di seguirla in diretta via tv, radio, internet, ma non credo sia possibile… Avete qualche idea? Qualche suggerimento?

Technorati, Stato del Live Web

Technorati ha pubblicato il suo report sullo stato della blogosfera. Stavolta però è leggermente diverso perché analizza lo stato del Live Web, intendendo con questo i vari social media (blog, video, foto, podcast, ecc.). Un’analisi più ampia dunque, resa possibile grazie all’utilizzo dei Tag sulle varie piattaforme per il publishing.

Devo dire che è molto interessante da leggere e i risultati mettono l’Italia in buona luce. I blog in italiano ad esempio sono al quarto posto per numero (3%), anche se mooolto distanti da giapponesi (37%), inglesi (36%) e cinesi (8%).

Ecco altri dati. 70 milioni di blog monitorati da Technorati. 120.000 nuovi blog ogni giorno. 17 post al secondo. Oltre 230 milioni di post che utilizzano tag o categorie (circa il 35% del totale). Il primo blog italiano nella classifica Blog+Mainstream Media è (naturalmente) quello di Beppe Grillo (22° tra i soli blog). Gli italiani scrivono soprattutto nella fascia che va dalle 10:00 alle 23:00 (UTC +01:00).

Progetto “Mare Domani”, Marketing virale o cosa?

E’ da qualche giorno che su La7 gira questa strana pubblicità. L’avete vista?

E’ una telepromozione piuttosto singolare… non può essere vera! Immaginavo fosse un classico pesce d’aprile, ma continuano a trasmetterla. Che sia un ibrido di Marketing Virale su media tradizionale? Un tv meme? Magari un messaggio sociale fuori dagli schemi per un argomento ben più serio? La cosa mi stuzzica molto… :D

Update: sì, il Progetto Mare Domani è una campagna sociale di La7 e MTV sul surriscaldamento del pianeta. Idea bellissima! Complimenti ai creativi che l’hanno ideata! (link) (link grafico)

E se un Geek investisse in Borsa?

Clicca per ingrandire

Circa un anno fa, Nintendo scioglieva gli ultimi dubbi sulla sua console di nuova generazione. Quella che un momento prima si chiamava Revolution venne ufficialmente ribattezzata con il nome Wii.

Wii (e non Nintendo Wii) è il nome che hanno scelto i manager della società giapponese, per la prima volta senza affiancare il company name (Nintendo) nel trademark. Il nome è pieno di significato, dall’assonanza con la parola we (noi), alle due ii che rappresentano due persone che giocano assieme, ma che ricordano anche la forma dei controller. Facile da ricordare, da pronunciare e da riconoscere (non c’è bisogno di abbreviazioni).

Diffusa la notizia del nome definitivo, l’esclamazione fu unica e corale in tutto il mondo: “Eh? Come lo hanno chiamato?!” Critiche da ogni parte… Ora oltre all’hardware, c’era qualcosa di nuovo su cui sparlare. Nessuno inizialmente riusciva a capire e decifrare il progetto che Nintendo aveva costruito tassello dopo tassello con accuratezza tipicamente giapponese.

Ok, la lungimiranza è un dono che in pochi hanno e che molto spesso viene confusa con un surrogato artificiale fatto di azzardo e sfrontatezza. In pochi avrebbero scommesso su quel progetto. Quei pochi non sapevano di avere “conoscenza da vendere“.

Ci si potrebbe chiedere: “Invece di passare il tempo a spiegare a gente testarda il significato di un nome o di una scelta, perché non impiegare il proprio tempo in modo più produttivo? Come far fruttare la conoscenza?”. Investendo in Borsa, ad esempio. Magari proprio su azioni Nintendo. E chi lo avesse fatto in quel momento di forte critica si sarebbe trovato oggi con un valore delle azioni raddoppiato! Mica male…

Quale sarà la nuova occasione da cogliere? Take-Two?

Altre notizie per (improbabili) azionisti qui e qui.

Apertura Apple Store Roma, il video

Ieri c’è stata l’inaugurazione del primo Apple Store dell’Europa Continentale. A giudicare dai video, deve essere stato un bel momento per i fan della Mela e per i simpatizzanti (come me, anche se non ho un Mac). Prima il countdown iniziale gridato da tutti, poi la musica, la gente che entra in massa ed i commessi che applaudono, battono il cinque e fanno foto.

La collocazione dello Store non è delle migliori (un centro commerciale fuori Roma) e dalla Apple probabilmente mi sarei aspettato qualcosina di più. Ma sono sicuro che a questo primo punto ne seguiranno altri.

Una cronaca dell’evento, fatta da chi ha girato il video, la potete trovare qui.


About

Weblog di Lorenzo Artifex Cx,
trasvolatore del Web disperso nel Maranhão.

Social Badges

Feed RSS GeekMarketing  

Segui GeekMarketing via RSS! :)
(cos'è un feed rss?)

Contattami
  Technorati

Creative Commons License
Questo weblog viene pubblicato sotto Licenza Creative Commons.